KNA (17) FDM_1 IMG_1646 S7301363 KNA (10) S7301440 S7301175 S7301453 0 095 12

Newsletters

info - appuntamenti
iniziative - concerti

Newsletter


Ricevi HTML?

Login Form






Password dimenticata?

Statistiche

Visitatori: 2108258

Notizie Cooperative

comunicato sciopero 14 novembre 2014
CONTRO IL JOBS ACT E LE POLITICHE DEL GOVERNO RENZI,CONTRO LA GUERRA AL LAVORO RILANCIAMO IL CONFLITTO!
 
Dopo il propedeutico passaggio operato con il primo atto del cosiddetto Jobs Act che ha definitivamente liberalizzato il già favorevole ricorso al contratto a termine e reso ancor meno oneroso il contratto di apprendistato, con l'avvento dell'autunno, il governo Renzi ha impresso una decisa accelerazione alla completa ristrutturazione del mondo del lavoro in supino adempimento alle riforme strutturali imposte dalle istanze economico-finanziarie comunitarie. Ristrutturazione che, accompagnata dai feroci tagli alla spesa sociale previsti dalla legge di stabilità 2015, si sta traducendo in un affondo portato a quel poco che ancora residua in termini di garanzie e tutele collettive per la classe. 

 
Leggi tutto...
 
7 Nov. Sciopero alla DHL di Liscate
LA LOTTA NON SI FERMA
per il diritto alla sciopero!
un' altra giornata di mobilitazione all'insegna della solidarietà di classe davanti ai cancelli della DHL di Liscate.
I compagni e le compagne del Csa Vittoria
Milano 07.11.2014
Di seguito il comunicato del Si.Cobas
Leggi tutto...
 
Comunicato sullo Sciopero della Logistica del 16 ottobre 2014
Nella giornata di ieri 16 ottobre,si è svolto lo sciopero nazionale dell'intero settore logistico , indetto da Si Cobas, ADL e Conf.Cobas lavoro privato per contrastare l'accordo FEDIT.
Leggi tutto...
 
La repressione non ferma il movimento No Tav!
Thursday 19 February 2015

 
Il 27 gennaio nell’aula bunker del Tribunale di Torino (neanche fosse un processo di mafia) è stata emessa la sentenza del processo al movimento NO TAV che condanna 47 tra compagni e compagne a oltre 150 anni di carcere. Condannati per aver resistito allo sgombero della Libera Repubblica della Maddalena il 27 giugno 2011 e di aver risposto con una grandissima e partecipata manifestazione tra i sentieri della val di Susa il sabato successivo.
L'ennesimo gravissimo tentativo di criminalizzare e di isolare un movimento che ha sempre dato strenua prova di compattezza e dignità coniugando, in una base di massa e sostegno popolare, la lotta politica ideale e materiale (anche nel difendersi dalla violenza di regime) a più livelli, nei sentieri e su quelli più istituzionali, sempre segnando la propria incompatibilità con un modello di sviluppo che devasta nel nome del profitto e della speculazione.
Non sono bastati i quintali di candelotti di gas CS lanciati tra i boschi della Clarea, come non sono bastate le manganellate e le continue denunce per chiunque manifestasse la propria contrarietà al progetto della Torino-Lione, arrivando fino all’assurda accusa di terrorismo (poi caduta nel ridicolo) per 4 compagni tutt’ora costretti in carcere dalla livorosa Procura torinese.
Queste condanne non sono solo rivolte contro il movimento NOTAV, sono rivolte contro tutti noi, lavoratori, disoccupati, precari, immigrati. Contro chiunque lotti a difesa del proprio territorio, per la salvaguardia del proprio posto di lavoro, davanti ai cancelli delle migliaia di magazzini che in questi ultimi anni sono scesi in sciopero.
 
Per questo sabato 21 febbraio saremo in piazza a Torino, invitando alla massima partecipazione al corteo nazionale indetto con concentramento alle 14.00 in Piazza Statuto, per gridare forte che le lotte non si processano e non si fermano con le condanne politiche sempre accomunati dalla consapevolezza e complicità dell'essere dalla stessa parte della barricata contro il sistema capitalistico e la sua barbarie, in una solidarietà militante che significa portare un pezzo di No Tav in ogni lotta anticapitalistica e viceversa. 

A fianco del movimento NO TAV!
Libertà per i compagni e le compagne in carcere!

concentramento
sabato 21 febbraio ore 14,00 in piazza statuto a Torino 

 
SPAGNA FASCISTA, STATO TERRORISTA!
Wednesday 18 February 2015
Il "democratico" governo spagnolo accelera con la repressione esprimendo la volontà di annientamento della sinistra indipendentista basca.
 
per continuare a leggere clicca sotto 
Leggi tutto...
 
Raccota fondi da destinare alle spese mediche del compagno EMILIO
Tuesday 17 February 2015
vittima dell'infame aggressione fascista il 18 gennaio

Invitiamo tutti coloro che vorranno sostenere la famiglia di Emilio ad effettuare i versamenti con le seguenti coordinate:
IBAN  IT 41 Z 08340 11401 000000340502 
I bonifici dovranno arrivare per intestazione beneficiario: PER EMILIO
 
SABATO 24 ore 15 corteo a Cremona concentramento via Mantova 7 davanti al Csa Dordoni
Wednesday 21 January 2015
Come compagni e compagne del Centro Sociale Vittoria aderiamo partecipiamo e invitiamo a partecipare al corteo contro l'aggressione fascista e criminale a Emilio e ai compagni e alle compagne del Csa Dordoni.
Parteciperemo al corteo con uno spezzone di lavoratori delle cooperative della logistica del Sicobas
 
SABATO 24 ore 15 corteo antifascista a Cremona
concentramento via Mantova 7 davanti al Csa Dordoni
(uscita Cremona autostrada Piacenza Brescia)
corteo_cremona.jpg

 

  
Appello Manifestazione nazionale dei compagni e compagne del CSA DORDONI 

Sabato 24 gennaio: MANIFESTAZIONE NAZIONALE ANTIFASCISTA a Cremona!Emilio, un compagno di tante lotte e tante battaglie, è in ospedale in coma farmacologico con una emorragia cerebrale estesa a causa di un assalto squadrista al centro sociale Dordoni di Cremona.

L'attacco premeditato e scientificamente organizzato dai fascisti di CasaPound cremonesi, in combutta con altri militanti di estrema destra provenienti da fuori città, ha trovato una risposta determinata da parte dei compagni presenti nel centro sociale, ma purtroppo Emilio è stato colpito alla testa da diverse sprangate.

I fascisti si sono accaniti sopra ad Emilio fino a quando è stato portato in sicurezza all'interno del centro sociale; è stata, tuttavia, immediatamente chiara la gravità del suo stato di salute.

Infame è stato il comportamento della polizia che ha semplicemente identificato gli assaltatori e successivamente, per permettere loro di andarsene indisturbati, ha violentemente caricato il presidio di antifascist* radunatesi sul posto.

Contro squadristi, polizia e istituzioni conniventi:

SABATO 24 GENNAIO CORTEO NAZIONALE ANTIFASCISTA, determinato, autodifeso e militante con la parola d'ordine: chiudere subito tutte le sedi fasciste!

CONCENTRAMENTO ORE 15.00 davanti al CSA DORDONI (via Mantova 7/A, ex foto Boario, parcheggio dello stadio)

Pagherete caro! Pagherete tutto! 


 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 5 di 32