CSA VITTORIA

Perché il “non dimenticare” non sia valore oggettivo in sè, ma memoria dell’incompatibilità del conflitto di classe.

Inviato da redazione il Mer, 15/04/2015 - 16:29
Nella società dei consumi e dell’ immagine tutto diventa “evento” senza contenuti ne approfondimento alcuno. Il bombardamento di informazioni fa si che tutto sia simile, che tutto appaia appiattito senza importanza ne spessore, un annichilimento delle coscienze in un sovrapporsi di eventi che si susseguono senza discontinuità. Purtroppo, ogni tanto, ci sembra di vedere che anche a “sinistra”, molte cose si mastichino e si digeriscano senza che rimanga e sedimenti nulla di preciso. Gli “eventi” passano e si consumano come un oggetto qualsiasi e persino il ricordo traumatico e doloroso di compagni ammazzati pare non diventare memoria storica e rabbia inesauribile ma pura memorialistica o quasi tristemente anedottica personale. Quasi un “evento” tra gli altri.

16 MARZO 1978 - CHI HA VINTO RISCRIVE LA “STORIA” MA .......

Inviato da redazione il Mar, 20/03/2018 - 12:04
Meno male che è finita. L'ondata di ricostruzioni della morte di Aldo Moro il più possibile (meno) oggettive, la rivisitazione "storica", i retroterra psicologici, la ricostruzione del Male, i depistaggi senza approfondimenti, il "focus" politico di giornalisti, storici, politologi e chi più ne ha più ne metta incluse ipocrisia e fandonie. Finalmente è finita.  
Recuperiamo e valorizziamo l’indicazione di lotta uscita dal corteo del 24 febbraio nei diversi territori del conflitto. redazione Mar, 27/02/2018 - 16:56
Una fitta pioggia battente non ha fermato il fiume di lavoratori e lavoratrici, operai, facchini, realtà politiche e solidali che si è rappresentato con determinazione in un corteo tutto politico sabato a Roma.
Trasformiamo la solidarietà in lotta di classe redazione Lun, 12/02/2018 - 22:49
Il 10 febbraio abbiamo vissuto una bella giornata di mobilitazione nazionale antifascista e antirazzista. Ora trasformiamo la solidarietà in lotta di classe.
CACCIAMO FASCISTI e RAZZISTI FUORI dalla STORIA! Corteo a Milano sabato 10 febbraio, concentramento ore 15,30 Piazza Oberdan redazione Gio, 08/02/2018 - 10:41
La tentata strage di Macerata ad opera di un militante leghista/fascista è purtroppo solo l’ennesimo sintomo di una sottocultura violenta propugnatrice di odio e superiorità razziale sempre più diffusa in tutta Europa e in Italia. Un vento nero che, nelle sue diverse gradazioni, è oggi purtroppo diventato assolutamente trasversale nel corpo della società.