Inviato da redazione il Ven, 19/01/2018 - 18:13
Categoria
INTIFADA

Le bellissime parole che seguono sono di Ahed Tamimi, una giovane palestinese attualmente nelle carceri israeliane in attesa del processo per il quale rischia 10 anni dI carcere per aver schiaffeggiato un soldato che voleva impedirle di partecipare alla manifestazione settimanale del suo villaggio contro l’occupazione israeliana.

“Forse saremo vittime del regime di Israele, ma siamo tanto orgogliosi della nostra scelta di combattere per la nostra causa, nonostante il noto prezzo da pagare. Noi sapevamo dove ci avrebbe condotto questa strada, ma la nostra identità, come popolo e come individui, è piantata nella lotta, e trae la sua ispirazione da qui. Al di là della sofferenza e della quotidiana oppressione dei prigionieri, dei feriti e degli assassinati, noi conosciamo anche il tremendo potere che proviene dall’appartenere ad un movimento di resistenza: l’abnegazione, l’amore, il piccolo sublime momento che viene dalla scelta di abbattere l’invisibile muro della passività.

Io non voglio essere percepita come una vittima, e non voglio dare alle loro azioni il potere di definire chi sono e cosa sarò. Io ho scelto di decidere per me stessa come voi mi vedrete. Noi non vogliamo che supportiate la nostra causa in ragione di qualche lacrima fotogenica, ma perché noi abbiamo scelto la lotta e la nostra lotta è giusta. Questo è l’unico modo in cui riusciremo a smettere di piangere un giorno”

LIBERTA' PER TUTTI I PRIGIONIERI PALESTINESI

PALESTINA LIBERA